Tu sei qui

In crescita l’agricoltura biologica italiana

In aumento rispetto al Censimento Istat 2010. Oltre il 10% della SAU è biologica.

Secondo il resoconto Sinab (Sistema d’Informazione Nazionale sull’Agricoltura Biologica) che  ʹfotografaʹ la situazione dell’agricoltura biologica al 31 dicembre 2014, aziende e superfici certificate hanno registrato un interessante incremento su base annua, rispettivamente pari a +5,8% (55.433 unità produttive) e +5,4% (oltre 1.3 milioni di ettari).

In termini relativi, la superficie coltivata secondo il metodo biologico (comprese anche le superfici in conversione) interessa il 10,8% della superficie agricola utilizzabile (SAU) nazionale.

Si tratta di numeri in costante crescita, stando anche ai dati contenuti nell’ultimo rapporto Istat che ha rilevato, nel triennio 2010-2013, uno sviluppo dell’agricoltura biologica rispetto ai dati raccolti dal Censimento 2010.

A fronte di una crescita complessiva sia in termini di operatori certificati che di superfici agricole, il rapporto Istat ha anche fornito i dati riferiti alla ripartizione territoriale: il Mezzogiorno d’Italia (Sud e Isole) si conferma capofila in termini di aziende certificate (oltre 30 mila) seppure i dati Istat relativi al triennio 2010-2013 evidenziano una crescita maggiore per il Nord-Est con oltre 6.100 aziende (+18%). In calo invece i numeri nelle aree del Nord-Ovest (-19,6%) e del Centro-Italia (-8,7%).

Anche in termini di superfici agricole, i maggiori incrementi sono stati registrati nelle aree geografiche del Nord-Est (+88,9%) e, nonostante il calo delle unità produttive, nel Centro Italia (+70,6%) a fronte delle flessioni registrate nelle Regioni del Sud Italia (-9,2%) e nel Nord-ovest (-3,8%).

L’elaborazione Sinab ha inoltre rilevato che i pascoli, le colture foraggere, i cereali e l’olivo sono le principali coltivazioni orientate al metodo biologico mentre, per quanto riguarda le produzioni animali, i dati hanno registrato una crescita su base annua per i suini (+15,2%), il pollame (+13,9%) e le api (+4,8%).

Relativamente ai consumi 2014, i dati Ismea-Nielsen relativi alle vendite nella distribuzione moderna (iper e supermercati, discount e libero servizio) hanno confermato la dinamica positiva degli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati (+11% in valore), anche grazie ad una maggiore offerta a scaffale.

Le referenze più apprezzate dal consumatore sono i cereali (+18,9%) e gli ortaggi (+14,3%), soprattutto trasformati, che insieme ai prodotti lattiero-caseari, coprono circa il 70% della spesa complessiva presso la Gdo.

Fonti: 

http://www.sinab.it/bionovita/biologico-crescono-operatori-e-consumi-oltre-un-ettaro-su-10-italia-coltivato-con-metodo

http://www.istat.it/it/archivio/167401 

Contatti

FederQuality
by Gruppo IRVEA
Via Verdi, 2 - C.C.I.A.A. - 43100 Parma (PR) - Italy

Tel. +39 05211841531
Fax. +39 05211480029
E-mail: info@federquality.org