Tu sei qui

La qualità nel Riso

Il riso nel mondo

Le diverse popolazioni hanno definito la qualità del riso in relazione alle caratteristiche delle varietà coltivate in loco e adeguato a queste la loro cucina:

  • in India si vuole che il riso non assorba i condimenti, sia consistente e non colloso;
  • in Giappone si desidera che il riso non assorba i condimenti, sia consistente ma colloso;
  • in Italia si preferisce il riso che assorba bene i condimenti, sia consistente e non colloso.

Le loro cucine si sono adeguate alle caratteristiche dei diversi risi:

  • i risi Indica, gli Aromatici, gli Integrali sono adoperati principalmente come accompagnamento;
  • i risi Japonica sono quelli da usare nel risotto e nei piatti similari;
  • i risi Waxi sono impiegati nei dolci;
  • i risi Parboiled sono meglio utilizzati nei preparati industriali precotti dove le caratteristiche di qualità delle materie prime per il consumatore non sono di particolare importanza.

Per legge le classificazioni del riso (corto, medio, lungo - comune, semifino, fino, superfino), distinguono solo le dimensioni del chicco, non le caratteristiche culinarie e organolettiche.

In Cucina la qualità del riso si distingue per: varietà, tempo d’invecchiamento e metodo di lavorazione.

A contatto con l’aria, col tempo nel riso si formano degli insetti e i grassi in esso contenuti sono soggetti all’irrancidimento, facilitato anche dalle alte temperature di conservazione: dopo la lavorazione, il riso deve essere subito confezionato sottovuoto.

Pregi e difetti del riso

Per valutare le qualità della lavorazione del riso è necessario:

  • un piatto bianco: per riconoscere il colore e i difetti scuri;
  • un piatto scuro: per distinguere i chicchi rotti, spuntati, graffiati, gessati, le disformità naturali e le miscele di diverse varietà.

I chicchi disuguali completano la cottura in tempi diversi e procurano:

  • disomogeneità del prodotto;
  • una particolare salda d’amido di solito mal vista per la collosità che procura.

Il riso e l’amido

Il riso contiene il 90% di amido sulla sostanza secca. L’amido che si perde in cottura è amido non stabile, per cui quanto più se ne perde tanto più scadente è la qualità del riso; e lo si vede quando l’acqua di cottura diventa bianca.

Lavare il riso prima di cuocerlo ne favorisce lo spappolamento.

Italia: Riso & Risotto

Il riso italiano è nel mondo identificato con il risotto e sta diventando nei ristoranti un piatto di crescente interesse. Naturale cassa di risonanza dei sapori, il riso per il risotto deve essere quello che dopo la cottura risulti sodo, sgranato e saporito.

Come scegliere il riso

Alle soglie del terzo millennio il riso rimane l’alimento base per la maggior parte della popolazione mondiale e ne rappresenta il 20% dell’apporto nutritivo totale.

E’ coltivato da più di 10.000 anni nelle sue 2 principali sottospecie: l’Indica nelle zone tropicali e la Japonica in quelle temperate.

Le varietà Indica, di aspetto affusolato e cristallino, sono adatte alla cottura in acqua (la più diffusa nel mondo):

  • sono abbastanza consistenti;
  • sono poco collose, perché l’amido non si disperde in cottura;
  • assorbono poco i condimenti;
  • hanno un sapore neutro, profumato nel caso delle varietà aromatiche (la più pregiata è il Basmati coltivato ai piedi dell’Himalaya).

Le varietà Japonica, più o meno tondeggianti e perlate, sono l’ideale per il risotto:

  • hanno consistenza variabile;
  • nella cottura perdono facilmente amido e quindi risultano abbastanza collose;
  • assorbono bene i condimenti.

Le varietà Waxi, sia Indica che Japonica, conosciute come glutinose pur non contenendo glutine, hanno un colore perfettamente bianco:

  • sono per niente consistenti;
  • durante la cottura perdono molto amido e sono fortemente collose;
  • assorbono in modo eccezionale i condimenti.

Da tutte queste varietà si può ottenere oltre al riso bianco anche:    

il riso Integrale: eliminando dal risone solo la lolla che è la parte esterna non commestibile del chicco. Può essere in natura: bianco, rosso o nero:

  • cuoce in 50 minuti;
  • non assorbe i condimenti;
  • è più nutriente e saporito.

il riso Parboiled: dalla precottura e successiva essiccazione del risone. Ha un alto rendimento nella lavorazione industriale, questo spiega la sua crescente diffusione nel mondo:

  • è gommoso alla masticazione;
  • non è colloso;
  • non assorbe i condimenti;
  • è caratterizzato da note di affumicato considerate poco gradevoli.

Contatti

FederQuality
by Gruppo IRVEA
Via Verdi, 2 - C.C.I.A.A. - 43100 Parma (PR) - Italy

Tel. +39 05211841531
Fax. +39 05211480029
E-mail: info@federquality.org

Brochure

Presentazione di sintesi

Note Legali: alcune foto pubblicate in questo sito sono state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Per chiedere la rimozione delle immagini scrivere a info@federquality.org